• Admin

RETRIBUZIONI, STOP AL CONTANTE

Arriva la tracciabilità delle retribuzioni.


RETRIBUZIONI, STOP AL CONTANTE

Dipendenti e co.co.co. non potranno più essere pagati in contanti, ma esclusivamente con bonifico, assegno o disposizioni di pagamento alle banche e poste. Obiettivo: contrastare la pratica di corrispondere, sotto il ricatto del licenziamento, retribuzioni inferiori ai minimi di legge, facendosi firmare il cedolino con l’importo pieno. A stabilirlo è un ddl approvato ieri alla camera e che passa ora all’esame del senato. Le nuove norme, rendono irrilevante la firma apposta sul cedolino quale prova di pagamento della retribuzione.

Retribuzione e anticipi di essa andranno necessariamente corrisposti attraverso uffici di banche o poste con uno dei seguenti mezzi:

a) bonifico sul conto identificato dal codice IBAN indicato dal lavoratore; b) pagamento in contanti presso lo sportello bancario o postale indicato dal datore di lavoro; c) emissione di assegno consegnato direttamente al lavoratore o, in caso di suo comprovato impedimento, a un suo delegato. L’impedimento s’intende comprovato quando il delegato a ricevere il pagamento è il coniuge, il convivente o un familiare, purché di età non inferiore a sedici anni.

In caso di violazioni dell’obbligo di tracciabilità, datori di lavoro e committenti incorrono nella sanzione amministrativa pecuniaria consistente nel pagamento di una somma da 5 mila a 50 mila euro. Sei mesi per organizzarsi. Le nuove norme saranno efficaci dopo 180 giorni dalla pubblicazione in gazzetta ufficiale.

1 visualizzazione

© 2018 CED S.r.l. - Corso Papa Giovanni XXIII n. 25 27, 20010 Arluno -  Tel: 02 9037 9249  P.IVA 08712680969  - REA MILANO 2083434

Cap. Soc. € 10.000,00 interamente versato. Ex Tributarista lege 4/2013.

Questo sito è stato realizzato da New Work Srl

  • Black Facebook Icon